Ugo: 339 3106263 | Francesco: 333 8267034 info@cascinasantanna.it
3 FALSI MITI SUL LATTE

3 FALSI MITI SUL LATTE

Sfatiamo insieme tre dei più noti falsi miti sul latte

Il latte è una tra le bevande più bevute al mondo, proprio per questo motivo negli anni si sono andati a creare diversi falsi miti, che oggi cerchiamo di sfatare.

L’importanza e la rilevanza di questa bevanda sono sottolineate non solo dall’enorme quantità che viene prodotta e venduta nel mondo, ma anche da un’intera giornata mondiale dedicata.

Il World Milk Day è una giornata istituita da parte della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e agricoltura) per riconoscere l’importanza del latte in qualità di alimento di rilievo globale.

Questa giornata è anche un’importante occasione per porre particolare attenzione a tutto il settore lattiero-caseario.

 

Scopri le proposte firmate Cascina Sant’Anna.

Scopri insieme a noi:

 

 

Il latte è dannoso per la salute?

 

Falso

In molti si chiedono se il latte sia dannoso per la salute dell’uomo adulto. In realtà questo è un falso mito che è stato scientificamente sfatato. Le linee guida sulla buona alimentazione istituite dall’Istituto Superiore di Sanità, consigliano il consumo di latte e di yogurt nella popolazione adulta, di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Inoltre, si possono consumare fino a tre porzioni di latte al giorno (125 g l’una), a meno che naturalmente non si sia allergici alla proteina del latte.

Anche la Fondazione Umberto Veronesi ha sottolineato l’importanza del latte, affermando che non è dannoso per la salute, ma anzi è importante all’interno di un’alimentazione sana ed equilibrata. Infatti, si tratta di una bevanda ricca di sostanze nutritive quali: proteine, carboidrati, calcio, fosforo, vitamine e grassi.

latte e salute

Secondo quanto scritto dalla Fondazione Umberto Veronesi, il latte è un alimento completo e naturale che si può consumare a qualunque età, dall’infanzia fino all’età adulta, ed offre un ampio apporto di nutrienti. 

Anche l’AIRC (Associazione Italiana Ricerca Contro il Cancro) sottolinea come il latte ed i latticini siano sostanze preziose per favorire il giusto funzionamento dell’organismo. 

Le proteine del latte, inoltre, sono tra le più complete dal punto di vista degli aminoacidi. Questi “mattoncini” hanno un’ampia gamma di funzioni: dalla difesa contro i microrganismi ad un miglior assorbimento dei nutrienti.

Scopri di più sui Principi nutritivi del latte

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Il latte fa bene alle ossa?

 

Vero

Bere latte può agevolare l’assunzione di calcio necessario al benessere delle ossa. Sicuramente non è l’unica fonte di calcio all’interno di una dieta sana, ma nel latte che sono presenti anche altri micronutrienti importanti per la salute delle ossa come il lattosio, il fosforo, il manganese, lo zinco e le proteine che migliorano le condizioni per l’assorbimento del calcio.

Ad esempio, il calcio è presente anche all’interno delle verdure, ma non come nel latte. Infatti, nel cavolo si trovano 44 mg di calcio per 100 g. Nel latte vaccino ci sono invece 120 mg di calcio per 100 g di prodotto. Se si fa riferimento ai latticini e derivati del latte, invece, il calcio disponibile può raggiungere 1000 mg su 100 g.

Latte fa bene alle ossa

Il latte e i prodotti caseari hanno al loro interno una percentuale di calcio più alta oltre che biodisponibile quindi più facilmente assorbibile da parte dell’organismo.

Il latte, inoltre, è molto utile nella prevenzione dell’osteoporosi, in quanto fonte benefica di calcio. Una delle cause che conduce a problemi come l’osteoporosi è spesso legata ad una mancanza di vitamina D e di calcio nelle ossa. Ecco perché il consumo della dose giornaliera di lattici consigliata permette di andare a soddisfare almeno la metà del fabbisogno di calcio per una persona adulta.

Scopri di più su Latte e osteoporosi

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Il latte fa ingrassare?

 

Falso

Il latte non fa ingrassare! Una credenza molto diffusa, vede il latte come un alimento da abolire nelle diete. Questo non è assolutamente vero. Il contenuto di grassi, anche nel latte intero, in realtà è molto basso: ci sono all’incirca 3,6 g su 100 g. 

Inoltre, bisogna sempre valutare il ruolo del macronutriente e, nel caso del latte, i lipidi svolgono un ruolo positivo. Sono infatti presenti acidi grassi a catena corta con isomeri coniugati dell’acido linoleico che contribuiscono al benessere dell’organismo. Non solo, il contenuto di calcio e derivati può contribuire a mantenere ottimale il metabolismo energetico e favorire il dimagrimento durante una dieta sana e bilanciata. Il latte è un alimento che presenta tantissime proprietà positive e di certo non fa ingrassare. 

Come per ogni tipologia di alimento, non bisogna mai eccedere nel consumo. L’Istituto Superiore della Sanità consiglia fino a un massimo di tre porzioni di latte o latticini al giorno da 125 g l’una. 

Scopri di più su Il latte fa ingrassare

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Conclusione

Nella tua dieta integra sempre latte di alta qualità, come quello di Cascina Sant’Anna. Il nostro è un latte 100% italiano, prodotto in modo sostenibile e con la giusta attenzione alla salute e all’alimentazione delle mucche. 

Controlla sempre i valori nutrizionali in etichetta, che ti confermano la qualità del latte e dei micronutrienti e macronutrienti contenuti. Ad esempio, nel latte Cascina Sant’Anna sono presenti ben 120 mg di calcio su 100 g di prodotto!

 

Scopri di più sui prodotti e la qualità del latte prodotto da Cascina Sant’Anna!

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

read more
Tipi di latte

Tipi di latte

Scopri tutti i tipi di latte, insieme a noi!

È un alimento comunemente diffuso sulle nostre tavole, ma quando si parla di “latte”, senza maggiori precisazioni, ci si riferisce di solito al latte vaccino. In realtà i tipi di latte in commercio sono molti e, al momento dell’acquisto, è possibile scegliere tra diverse alternative, di origine vegetale o animale.

Ecco quindi una piccola guida per orientarsi tra i vari tipi di latte a disposizione sul mercato, dal latte di mucca a quello delattosato, dal latte in polvere alle bevande vegetali.

Scopri insieme a noi:

 

Tipi di latte senza lattosio

Il latte di origine vaccina è quello più comunemente diffuso nelle dispense domestiche. Tra i suoi nutrienti si trova il lattosio, uno zucchero che, una volta ingerito, viene scomposto in differenti tipologie di zuccheri facilmente assimilabili dal corpo, grazie a un enzima chiamato lattasi.

Alcuni individui però non riescono a digerire con facilità questo particolare zucchero e preferiscono quindi assumere latte delattosato, anche identificato con la sigla HD, che sta per High Digestible. Contiene basse o nulle tracce di lattosio ed ha anche una consistenza differente dal classico latte vaccino e proprietà nutrizionali ovviamente differenti.

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Tipi di latte vegetale

Allattare al seno è il modo migliore per alimentare i bambini appena nati e per creare un solido legame tra la mamma e il suo bebè, ma quando questo non è possibile si può ricorrere all’integrazione o alla sostituzione del latte materno con dello speciale latte artificiale. Il latte in polvere dovrebbe essere più simile possibile a quello materno: infatti, per ricavarlo vengono eliminate dal latte vaccino o dal latte vegetale tutte le componenti che non sono ritenute compatibili con l’alimentazione di un bambino in fasce.

Mentre il latte di tipo I è utilizzato nei primissimi mesi di vita, il latte di proseguimento può essere utilizzato fino al momento dello svezzamento. Venduto polverizzato, questo latte dev’essere poi mischiato con acqua a basso tenore salino. Esistono anche particolari tipi di latte per specifiche esigenze, come quello ipoallergenico, facilmente digeribile, senza lattosio, antireflusso, antirigurgito e molto altro.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Tipi di latte in polvere per neonati

Per preparare il frullato alle fragole sono necessari due semplici ingredienti: latte freddo e fragole.

Lava bene 500 grammi di fragole , in modo da eliminare tutte le impurità e togliere la parte verde che non è edibile all’interno del frullato. Tagliale a pezzi e riponile all’interno del boccale di un frullatore.

Puoi scegliere di aggiungere a piacere due cucchiai di zucchero bianco oppure di dolcificante se vuoi aumentare la dolcezza della ricetta. 

Infine, per un frullato di fragole nutriente e gustoso, aggiungi 400 ml di latte intero Latte Cascina Sant’Anna o parzialmente scremato e successivamente frulla il tutto. Il tuo frullato alle fragole è pronto!

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Tipi di latte vaccino

Il più noto tra i tipi di latte animale è senza dubbio il latte vaccino, ottenuto dalla mungitura delle mucche. Da questo latte si ottengono anche molti prodotti caseari come yogurt e formaggi, ma non si tratta dell’unico latte animale in commercio. Anche quello di capra è molto apprezzato, così come quello di pecora, quello equino o quello di asina.

Il latte vaccino può essere bevuto fresco, pastorizzato entro 48 ore dalla mungitura e da consumare entro pochi giorni dal confezionamento. Il latte UHT (ossia Ultra High Temperature) viene invece sottoposto a speciali trattamenti termici ad alte temperature, per sterilizzarlo. Questa lavorazione ne consente una più lunga conservazione, pur preservando intatte le proprietà nutrizionali e organolettiche.

Tra i più diffusi tipi di latte vaccino ci sono poi quello intero, parzialmente scremato e scremato: il latte intero ha un contenuto di grassi pari o superiore al 3,5%, mentre l’intervento di scrematura può far ottenere il latte parzialmente scremato (con una percentuale di grassi tra l’1,5% e l’1,8%) oppure il latte scremato (contenente una percentuale di grassi inferiore allo 0,5%). 

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

I vantaggi del latte vaccino

Quando si assaggiano tutti gli altri tipi di latte, si può facilmente capire che il latte vaccino è dotato di spiccate peculiarità in termini di consistenza, sapore e proprietà nutrizionali. Pur non fornendo al corpo un’enorme quantità di calorie, è sorprendente il suo apporto in termini di nutrienti fondamentali per l’organismo.

Insieme all’acqua, che costituisce l’87% del latte si trovano anche il 3,5% circa di proteine, come la caseina, il 3,5% di grassi, il 4,5% di zuccheri, tra cui spicca il già menzionato lattosio e una buona quantità di vitamine e sali minerali. Non mancano nel latte vaccino le vitamine liposolubili come la A, la D, la E e la K, ma sono presenti anche anche la vitamina C e la B2, insieme a un’ottima dose di sali minerali, quali calcio, fosforo, selenio, zinco, rame e ferro.

I suoi effetti benefici sono numerosi: ad esempio, il suo contenuto di lattosio fornisce al corpo energia immediatamente spendibile e la presenza di vitamina D e calcio aiuta a rafforzare le ossa in fase di crescita e a mantenerle sane in età adulta, prevenendo l’osteoporosi e i fenomeni di decalcificazione tipici dell’invecchiamento. Anche i fermenti lattici contenuti nel latte sono essenziali per il benessere dell’intestino e per il suo corretto funzionamento.

Il latte vaccino è ottimo quindi da consumare, per tutti e a tutte le età. L’importante è sceglierne uno di qualità elevata, come quello di Cascina Sant’Anna.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Perché scegliere il latte Cascina Sant’Anna

Oltre a essere sano e genuino, il latte Cascina Sant’Anna utilizza materie prime e metodi di produzione che offrono al prodotto finito delle qualità organolettiche imbattibili. Il gusto corposo di questa preziosa bevanda ricorda il latte di una volta, gustoso e vera fonte di benessere.

Il nostro latte viene prodotto solamente da mucche che sono nate e cresciute all’interno del nostro allevamento, in modo che possiamo seguirne la crescita e gestirne l’alimentazione fin dalla nascita. Le porte della Cascina sono aperte, per far scoprire a tutti come facciamo il nostro latte, osservando la cura con cui alleviamo le nostre mucche, l’attenzione che mettiamo in ogni fase dei processi produttivi e le regole stringenti con cui ci impegniamo a conservare i nostri preziosi prodotti caseari.

Il latte Cascina Sant’Anna è naturalmente buono, altamente nutriente, ma anche facile da digerire per la sua eccellente qualità 100% Made in Italy. In ogni sorso del nostro latte vaccino puoi ritrovare tutto il buono dei ritmi naturali e delle cose fatte “come una volta”.

Perfetto per la colazione, per uno spuntino ricco o per la preparazione delle migliori ricette artigianali: approfitta subito del nostro shop, che ti permette di gustare il nostro latte ordinandolo comodamente online e ricevendolo al tuo domicilio!

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

read more
Latte e osteoporosi

Latte e osteoporosi

Come prevenire e contrastare l’osteoporosi con l’alimentazione

È molto importante puntare sull’alimentazione sana ed equilibrata. Ci sono dei cibi assolutamente da includere nel nostro regime alimentare quotidiano, perché fanno bene e perché riescono ad apportare all’organismo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno. Ovviamente non si tratta di consigli medici in senso stretto.

La soluzione più giusta e più appropriata è quella di rivolgersi al proprio medico o al proprio nutrizionista. Ci stiamo limitando, infatti, a dare soltanto dei consigli sulle buone abitudini alimentari, evidenziando l’importanza della scelta di alimenti genuini e semplici, che costituiscono una vera fonte di benessere. Infatti proprio l’alimentazione può rappresentare un modo molto utile per prevenire l’insorgere di alcune patologie, come l’osteoporosi.

Scopri insieme a noi:

Cos’è l’osteoporosi

L’osteoporosi consiste in un processo progressivo di indebolimento delle ossa, che è determinato dal fatto che esse subiscono un’azione di decalcificazione. Tutto questo porta ad una diminuzione di massa dell’osso e ad un’alterazione della struttura dello scheletro. In particolare possiamo distinguere due tipi di patologie di questo genere, che si differenziano anche in base alla causa che ne sta alla base.

Il primo tipo è l’osteoporosi primaria, che è associata a fattori fisiologici, come l’insorgere della menopausa. L’osteoporosi secondaria, invece, è quella caratteristica che colpisce soprattutto i pazienti che soffrono di malattie che coinvolgono l’apparato endocrino oppure di patologie croniche, come le malattie intestinali. Si chiama secondaria proprio perché è una conseguenza di altre malattie.

Le cause dell’osteoporosi possono essere tante, come per esempio la carenza di estrogeni nel periodo della menopausa e la mancanza di calcio, magnesio, vitamina D e vitamina K.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Come si manifesta l’osteoporosi

Vediamo come si manifesta l’osteoporosi. Nelle prime fasi di sviluppo della patologia non vengono avvertiti dolori o sintomi particolari. Però poi, nelle fasi più avanzate della malattia, potrebbero manifestarsi dei segnali molto indicativi, come il mal di schiena, la riduzione dell’ossatura, la postura curva e a volte frattura delle vertebre, del polso, del femore o di altre ossa.

In generale le ossa diventano più fragili, quindi sono più soggette, anche in seguito a sollecitazioni improvvise, alla rottura.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Come prevenire e contrastare l’osteoporosi

Ci sono dei fattori molto importanti per riuscire a mantenere le ossa sane e prevenire l’osteoporosi. È importante garantirsi un adeguato apporto di calcio e un apporto di vitamina D adatto. Infatti proprio l’alimentazione può essere fondamentale.

Da questo punto di vista è essenziale seguire una dieta sana e bilanciata, ricca di frutta e verdura, in modo da poter ricavare vitamine e sali minerali che concorrono alla salute delle ossa. In particolare il calcio è un elemento significativo. In generale si dovrebbe garantire un apporto di calcio sufficiente con la dieta.

In effetti il calcio non svolge soltanto una funzione fondamentale per la prevenzione dell’osteoporosi, ma contribuisce al corretto funzionamento del cuore, dei muscoli e dei nervi e interviene nella coagulazione del sangue. Il nostro organismo ha bisogno del calcio assunto attraverso i cibi giusti per generare il tessuto osseo.

Troviamo il calcio soprattutto nei latticini, nelle verdure a foglia verde, come per esempio i cavoli e i broccoli, nelle sardine e nel salmone, nella soia e nei derivati da essa.

Anche la vitamina D è fondamentale per prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi, perché essa interviene nel favorire l’assorbimento a livello intestinale del calcio. Generalmente la vitamina D viene prodotta dall’organismo in seguito all’esposizione alla luce del sole. Però ci sono anche cibi ricchi di vitamina D, come i pesci grassi e gli oli di pesce.

Fare attenzione alla salute delle ossa richiede anche il portare avanti uno stile di vita adeguato. Infatti si dovrebbe cercare di smettere di fumare. È provato che il fumo peggiora l’osteoporosi: il fumo diminuisce la quantità di estrogeni e riduce l’assorbimento del calcio a livello intestinale.

Inoltre è importante non esagerare con l’alcol: non si dovrebbero bere più di due bicchieri di alcol al giorno, perché altrimenti si incorre in degli ostacoli per il rinnovamento delle ossa e nella mancanza della capacità dell’organismo di assorbire il calcio di cui ha bisogno.

Attenzione anche ai farmaci, perché alcuni possono causare la perdita ossea o incrementare il rischio di cadute e di fratture. Particolarmente importante sembra essere anche lo svolgimento regolare dell’attività fisica, come per esempio gli esercizi di resistenza o di forza. Ci sono molti studi che confermano che l’esercizio aiuta a mantenere o a migliorare la densità ossea.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Perché il latte fa bene e quanto berne

Il latte fa bene per prevenire l’osteoporosi, perché è una fonte benefica di calcio. È un alimento sano e nutriente e bisogna sfatare le false credenze, secondo le quali si può sostituire questo alimento con altre bevande di origine vegetale. È importante naturalmente che sia di qualità e si ipotizza che abbia contribuito nel corso del tempo, anche tramite lo sviluppo della capacità di digerire il lattosio, all’ossatura più sviluppata e ad un’ossatura maggiore di alcune popolazioni.

Si dovrebbero consumare ogni giorno tre porzioni di latte di circa 125 ml ciascuna. Naturalmente si devono conteggiare anche i derivati del latte, come i formaggi e lo yogurt, anche se sarebbe preferibile assumere il latte nella sua forma naturale, che è quella da bere.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Perché scegliere il latte Cascina Sant’Anna

Il latte Cascina Sant’Anna è buono e digeribile, prodotto da mucche nate e cresciute nel nostro allevamento. È un latte di qualità, prodotto secondo il rispetto dei ritmi naturali degli animali. Le mucche di Cascina Sant’Anna, infatti, vivono in degli ambienti adatti a loro, in sintonia con la natura, perché possono riposarsi anche nei terreni all’aperto. Ricevono tutte le cure necessarie per crescere serene e in salute.

Vengono alimentate in maniera completamente naturale e per questo ricompensano donando latte di qualità eccellente, molto gustoso e fonte di tanti nutrienti che fanno bene alla salute. Scopri come alleviamo le nostre mucche e come conserviamo il latte. Anche i processi di confezionamento e conservazione sono condotti con la massima precisione, per conservare le caratteristiche organolettiche dell’alimento.

Consulta il nostro shop online, per ricevere comodamente a casa il Latte Sant’Anna!

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

read more
Il latte in gravidanza fa bene?

Il latte in gravidanza fa bene?

Scopri insieme a noi quale e quanto latte bere in gravidanza

Come molti altri alimenti anche il latte assume un’importanza fondamentale durante i mesi della gravidanza. Bere la giusta dose di latte con costanza in questo periodo così delicato può influenzare positivamente lo sviluppo del feto: in particolare, consente il corretto aumento ponderale agendo sulla lunghezza del femore e sulla circonferenza del cranio,  quindi favorisce una crescita ottimale. Ti invitiamo ovviamente a confrontarti con il tuo medico, se stai attraversando questo periodo così delicato, ma speriamo che anche i nostri consigli possano rivelarsi utili!

Scopri insieme a noi:

Il latte in gravidanza fornisce i macro e micro nutrienti necessari per garantire la corretta crescita fetale e anche il giusto peso alla nascita, scongiurando il rischio di eventuali malattie cardiovascolari in età adulta. Proteine, calcio, potassio, vitamina B12, iodina e fosforo sono solo alcune delle importanti sostanze che assumiamo quotidianamente bevendo il latte.

Nello specifico, sono tre le sostanze contenute nel latte a cui non si può rinunciare durante la gravidanza:

  • La vitamina D: durante la gestazione il fabbisogno raddoppia perché l’organismo della madre deve affrontare anche la necessità di mineralizzazione ossea del feto. Seguendo le indicazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), per assumere la corretta quantità di vitamina D bisogna esporsi al sole, specialmente viso e braccia, e introdurre (o mantenere) pesci grassi e latte.

 

  • Il calcio: è essenziale per consentire lo sviluppo corretto della struttura scheletrica del bambino che nel corso della crescita ne immagazzina 30 g. L’apporto quotidiano di calcio necessario al feto avviene tramite la dieta della madre, che ogni giorno in gravidanza prevede 3 o 4 porzioni di latte e derivati. L’assunzione corretta di calcio assicura non solo una corretta crescita ossea del feto, ma anche una protezione prolungata che consente una maggiore salute del bambino a livello osseo;

 

  • L’acido folico: importantissimo già in fase di pre-concepimento, l’apporto di acido folico durante la gestazione deve essere aumentato del 50%. Questa importante sostanza consente di tutelare il bambino da eventuali malformazioni della colonna vertebrale e/o del tuo neuronale.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna


Latte UHT in gravidanza

Secondo le più recenti ricerche, non esiste alcuna controindicazione che impedisca di bere latte Uht in gravidanza, infatti gli unici fattori a cui è obbligatorio prestare attenzione sono la presenza di latte crudo o panna non pastorizzata.

Bevendo latte o panna non pastorizzati, infatti, si va incontro al rischio di un’infezione da Listeria, un batterio che può essere contenuto nella carne, nel formaggio e nel pesce, ma che viene ucciso durante i processi di pastorizzazione o durante la cottura ad alta temperatura.

In caso il batterio venisse trasmesso dalla madre al feto, questo potrebbe contrarre una grave infezione oppure nascere prematuramente, quindi è sempre buona abitudine scegliere un latte pastorizzato.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Latte intero UHT in gravidanza

Durante la gravidanza bere latte intero non comporta alcun rischio né per il bambino né per la madre. Anzi, il latte intero contiene un apporto maggiore di calcio che può solo far bene al feto e alla sua crescita.

Al suo interno, il latte intero contiene un’elevata quantità di vitamine necessarie al corpo per svolgere tutte le funzioni organiche, inoltre aiuta ad abbassare i livelli di glicemia e la possibilità di sviluppare il diabete di tipo 2 in futuro.

Bisogna precisare che è necessario seguire alcune semplici, ma importanti, regole per evitare di correre alcuni rischi: come detto prima, la scelta del latte anche in gravidanza è condizionata dalla sua pastorizzazione e non deve essere realizzato con latte crudo. Per essere chiari, in gravidanza è meglio scegliere il latte intero pastorizzato oppure UHT per non mettere in pericolo il bambino.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 


Latte parzialmente scremato UHT in gravidanza

L’assunzione di latte parzialmente scremato UHT in gravidanza non è sconsigliata, anzi. La scelta di bere latte parzialmente scremato ti consente di non appesantirti troppo e di assumere meno calorie, quindi è bene alternarlo al latte intero UHT durante questi nove mesi molto delicati.

Precisamente, il latte parzialmente scremato contiene tra l’1,5% e l’1,8% di grassi ed è consigliato anche alle gestanti che hanno, o tendono ad avere, il colesterolo alto, ma allo stesso tempo contiene lo stesso apporto di proteine e minerali del latte intero.

Inoltre, bere latte UHT o pastorizzato in gravidanza evita il rischio di contrarre la Listeria, un batterio che potrebbe essere trasmesso al bambino provocando un’infezione o un parto prematuro.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Latte UHT freddo in gravidanza

Per quanto riguarda l’assunzione di latte freddo in gravidanza non esistono regole precise, ma dipende principalmente dalle preferenze della madre. Si può scegliere di berlo sia caldo che freddo, infatti quello che conta è la scelta del latte trattato in modo opportuno, secondo il metodo UHT.


Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Perché scegliere il latte Cascina Sant’Anna

Di marche di latte pastorizzato che sono colossi multinazionali ne esistono tante, ma è buona norma scegliere con cura  latte buono e di alta qualità come quello che solo un ambiente naturale può assicurare. Un esempio oggi è la nostra realtà: Cascina Sant’Anna ospita più di 400 mucche di razza frisona, tutte nate e cresciute nel nostro allevamento in Piemonte, un posto sicuro in cui vengono rispettate le esigenze degli animali.

Le mucche di Cascina Sant’Anna infatti vengono alimentate con amore e attenzione, grazie agli ottimi fieni adeguatamente controllati che permettono loro di produrre latte altrettanto sano e naturale, oltre che facilmente digeribile. Quando ti immagini la loro casa dimentica assolutamente i video di allevamenti in cui gli animali vengono sfruttati e sono stipati in spazi microscopici, perché le mucche di questa cascina vivono in un allevamento moderno e hanno a disposizione ampie aree per condurre una vita serena e dignitosa.

Il latte prodotto a Cascina Sant’Anna subisce tutti i controlli necessari: appena munto subisce i cambi di temperatura adeguati a preservarne le proprietà nutritive e successivamente viene trasportato in sicurezza in un’azienda di fiducia per subire i trattamenti UHT che lo rendono a lunga conservazione e garantiscono l’eliminazione di eventuali batteri. In poche parole, il latte Cascina Sant’Anna è pronto per la tua colazione dopo sole 56 ore dalla mungitura. 

Come anticipato, precisiamo che non siamo medici e in un momento delicato come la gravidanza è sempre meglio confrontarsi sull’alimentazione con ginecologo e nutrizionista. Se vuoi provare il latte naturale della Cascina Sant’Anna, puoi effettuare un ordine sullo shop online e riceverlo direttamente a casa tua nelle varie versioni: intero o parzialmente scremato, da 1 litro o da mezzo litro, a seconda delle tue esigenze.

 

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

read more
Come si legge l’etichetta del latte: impara a leggere l’etichetta del latte insieme a noi

Come si legge l’etichetta del latte: impara a leggere l’etichetta del latte insieme a noi

Oggi come oggi – ed è davvero il caso di dire ad alta voce per fortuna – siamo molto più attenti a quello che portiamo in tavola. Per raggiungere quell’importante risultato che è la piena consapevolezza delle caratteristiche e dei benefici di quello che si mangia e si beve, è fondamentale, a prescindere che si scelga di acquistare prodotti della gdo piuttosto che cibi o bevande artigianali a km 0, la lettura dell’etichetta.

In questo articolo, cercheremo di capire insieme come leggere quella del latte. Nel caso che stiamo analizzando come in tutti quelli che riguardano la filiera del food and beverage, leggere bene l’etichetta è un passo di grande rilevanza. In questo modo, si hanno le idee chiare sia in merito alla provenienza del prodotto – la tracciabilità e la trasparenza sono uno dei fiori all’occhiello del made in Italy – sia in merito ai suoi valori nutrizionali. Quest’ultimo aspetto, come converrai, è fondamentale per la salute.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

 

Etichetta latte: i motivi per imparare a leggerla

Il latte è un alimento che fa parte della nostra vita da tempo immemore. Iniziamo a berlo da piccoli e, molto spesso, non riusciamo a farne a meno da adulti. In questo caso, imparare a leggere bene l’etichetta permette di accedere a numerose informazioni preziose. Facendo l’esempio del latte di Cascina Sant’Anna, dall’etichetta si può scoprire di avere a che fare con un prodotto proveniente da esemplari vaccini nati e cresciuti in allevamento: questo significa che tutto il latte proviene da mucche nate e cresciute nell’allevamento, senza integrazioni. Altro che made in Italy, si tratta di made in Cavallermaggiore! Tutti gli step produttivi, infatti, vengono concretizzati presso la sede della cascina nelle campagne del cuneese.

Come accennato nelle righe precedenti, sono diversi i vantaggi in gioco riguardanti l’imparare a leggere etichetta latte. Scopriamo gli altri nel prossimo paragrafo!

 

Etichetta alimentare del latte: quali informazioni si possono ricavare?

Nel 2017, il legislatore ha deliberato l’arricchimento delle informazioni presenti sulle etichette dei prodotti lattiero-caseari. Oggi come oggi, quindi, l’utente si trova davanti a una carta d’identità estremamente completa del prodotto. Tra le informazioni che si possono ricavare è possibile includere il Paese di mungitura – nel nostro caso, ribadiamo, si tratta dell’Italia – ma anche quello di condizionamento (sempre l’Italia per quanto riguarda il latte di Cascina Sant’Anna). Non manca inoltre il riferimento al Paese dove il latte è stato sottoposto al processo di trasformazione.

Inoltre, sulle nostre etichette si trova anche il bollino ministeriale che certifica la zona limitata di mungitura al Piemonte. Una certificazione non obbligatoria ma che abbiamo deciso di inserire perché essere trasparenti con il cliente è, per noi, di fondamentale importanza.

Ci si trova quindi davanti a un panorama chiarissimo in merito alla tracciabilità del prodotto e a tutto il percorso che fa prima di arrivare sulle nostre tavole.

Entrando nel vivo di questo aspetto facciamo presente che, in casi come il nostro che vedono tutte e tre le operazioni sopra menzionate svolte nello stesso Paese, si ha a che fare con una sola dicitura. Quale di preciso? “Origine del latte”. A queste parole, segue poi il riferimento geografico.

Quanto appena riportato rappresenta una grande conquista del nostro Paese per quanto riguarda la trasparenza su un prodotto di largo consumo come il latte. L’introduzione dei riferimenti all’origine del latte nell’etichetta è stata infatti richiesta dal Bel Paese alla Commissione Europea e, di fatto, rappresenta un traguardo storico per gli allevatori di tutta Italia.

Le informazioni presenti sull’etichetta del latte non finiscono certo qui! Leggendola è possibile, per esempio, scoprire se si ha a che fare o meno con il latte UHT, ossia quello a lunga conservazione. Scopri il metodo di conservazione scelto da Cascina Sant’Anna, per salvaguardare tutti i principi nutritivi del latte appena munto e garantirti la massima autenticità.

 

Come leggere l’etichetta del latte: il focus sui valori nutrizionali e sulle modalità di conservazione

Una parentesi di grande importanza da considerare quando ci si chiede come leggere l’etichetta del latte riguarda i valori nutrizionali. Informarsi in merito, ribadiamo, è fondamentale per la salute e per una dieta bilanciata. In cima all’elenco sopra menzionato troviamo innanzitutto l’apporto energetico per 100 ml (attenzione, parliamo di stima media). Quest’ultimo è espresso sia in KJ sia in kcal.

Viene poi specificata – sempre tenendo conto del riferimento dei 100 ml – la quantità di grassi. Entrando nel vivo di questo aspetto, ricordiamo il focus su quella totale e, successivamente, sul dosaggio di grassi saturi. Data la necessità, per ragioni legate alla salute del sistema cardiovascolare, di non esagerare con l’apporto dei suddetti nutrienti, non può non essere presente un riferimento relativo alle loro quantità.

Proseguendo con l’elenco dei valori nutrizionali presenti sull’etichetta del latte ricordiamo i carboidrati – con la successiva specificazione della quantità di zuccheri – ma anche le proteine e il sale. Da non dimenticare è anche il calcio. Di quest’ultimo viene sottolineata non solo la quantità effettiva, ma anche la percentuale del VNR, ossia il fabbisogno minimo giornaliero per un soggetto adulto.

Come vedi, leggere l’etichetta del latte è molto semplice. Oltre ai valori sopra citati, è possibile trovare anche le linee guida per la conservazione. Vengono fornite istruzioni sia in merito alla temperatura, sia ai giorni di mantenimento a seguito dell’apertura della confezione.

Un altro dato fondamentale riguarda la presenza di diciture come “latte intero” o “parzialmente scremato”. L’offerta di prodotti di Cascina Sant’Anna comprende entrambe le opzioni. Il nostro latte, naturalmente buono e digeribile, è adatto sia agli anziani, sia ai bambini. Inoltre, è un prezioso alleato in cucina sia quando si ha a che fare con le ricette salate, sia quando si preparano i dolci.

Sul nostro shop online – dove puoi scoprire come alleviamo le nostre mucche e come conserviamo il nostro latte – è possibile scegliere tra latte intero e latte parziale, nei formati da mezzo litro o da litro: scopri tutta la convenienza di acquistare direttamente online e ricevere comodamente a casa tua un prodotto così genuino!

 

read more
Latte e sport, un binomio vincente

Latte e sport, un binomio vincente

Quanto è importante il latte per chi svolge attività sportiva

L’importanza del latte in ambito sportivo è risaputa e ben nota. Sono essenzialmente due le funzioni che garantiscono questo prodotto e che sono decisamente importanti per qualsiasi atleta: stiamo facendo riferimento sia al nutrimento che all’idratazione. Non è un caso, infatti, che il latte venga di frequente impiegato per incrementare e migliorare le prestazioni a livello sportivo.

Scopri insieme a noi:


Bere latte prima degli allenamenti

Sono in tanti a sostenere come i latticini, se assunti a una certa distanza prima degli allenamenti, possono rappresentare un vero e proprio plus per gli sportivi, in modo particolare per tutti coloro che si recano di frequente in palestra per aumentare la propria massa muscolare.

Infatti, il latte rappresenta una delle più importanti fonti di proteine e questo è già un grande vantaggio, che dà una notevole mano nella crescita a livello muscolare. È chiaro che la soluzione migliore è quella di non bere il latte proprio a ridosso dell’allenamento, ma di farlo qualche ora prima. Il latte, al pari di qualsiasi altro latticino, è in grado di garantire un notevole apporto di proteine, una fonte importante per chi va in palestra, ma anche per tutti coloro che si allenano entro le mura domestiche.

Non solo il latte, ma anche lo yogurt rappresentano una fonte proteica di primaria importanza e si possono considerare un’alternativa di tutto rispetto in confronto ai ben conosciuti frullati proteici sintetici, ovvero quelli che vengono realizzati con polvere e acqua. Sia la caseina che il siero del latte sono degli elementi fondamentali nel momento in cui ci si deve allenare.

In primo luogo, è bene evidenziare come il latte sia costituito in buona parte da acqua: si tratta di un aspetto da non sottovalutare, dal momento che va a favorire l’idratazione prima di fare esercizio fisico, anche se è chiaro che poi è fondamentale integrare il corpo assumendo altri liquidi sia nel corso dell’allenamento che in seguito allo stesso.

L’assunzione delle proteine prima di un allenamento consente di stimolare la sintesi proteica che insorge a livello muscolare e permette di diminuire notevolmente il processo di degradazione delle fibre. Tutto questo vuol dire che, da una parte, il latte dà una grande mano ad aumentare la forza e la resistenza e, d’altro canto, torna molto utile per rendere più veloce il processo di recupero in seguito all’allenamento.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna


Bere latte dopo gli allenamenti: l’efficacia sui muscoli

Sono numerosi gli studi e le ricerche scientifiche che hanno messo in evidenza come il latte si possa considerare la bevanda più efficace da bere in seguito ad un allenamento sportivo, dal momento che riesce a garantire un netto incremento della massa magra, favorendo anche un recupero più rapido.

Dopo un allenamento, si tende spesso a consigliare integratori, sport drink, sali minerali e acqua, ma in fondo la soluzione più efficace resta sempre e comunque il latte. Infatti, ci sono delle evidenze scientifiche che supportano questa tesi e che hanno spiegato come gli atleti che consumano latte in seguito agli allenamenti sono molto più idratati e riescono ad immagazzinare un quantitativo estremamente importante di proteine.

Il consumo di latte, sulla base di un gran numero di ricerche, quindi, è in grado di comportare un incremento della massa magra in confronto alle bevande isoenergetiche con maltodestrine e alle bevande di soia. Il latte è in grado di garantire un ottimo contributo dal punto di vista dell’apporto di sodio, potassio e carboidrati e si tratta di sostanze che rivestono un ruolo di primo piano per favorire la resintesi del glicogeno e il recupero di tutti quei fluidi che sono andati persi durante l’allenamento.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna


Quanto latte bere

Secondo gli esperti, il consumo quotidiano corretto di latte è pari a tre porzioni da 125 ml circa l’una. Si tratta di una quantità che, come si può facilmente intuire, viene suggerita solo ed esclusivamente al soggetto non abbia delle patologie specifiche a cui prestare attenzione, come nel caso di intolleranze oppure allergie, ma anche per quanti che non hanno problematiche legate al peso corporeo. Anche in quest’ultimo caso, però, il latte non deve essere rimosso dalla propria dieta, quanto piuttosto si dovrebbe optare per il consumo di un prodotto parzialmente scremato, che sia dotato quindi di un quantitativo più limitato di grassi. 

Il quantitativo corretto di latte da bere al giorno, come si può intuire, è diverso da persona a persona, per cui ti invitiamo a consultare il tuo medico, per inserire correttamente il latte nel tuo regime alimentare.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna


Quale latte bere

Come si può facilmente intuire, è chiaro che il consumo di latte di qualità è preferibile. Il Latte Cascina Sant’Anna presenta tante caratteristiche uniche e convenienti: si tratta di un latte naturalmente dolce, ma al contempo è anche digeribile e sano, visto che viene prodotto solo ed esclusivamente grazie a mucche che sono nate e cresciute all’interno del nostro allevamento. Questa è una storia di passione e di rispetto prima di tutto per gli animali: le mucche di Cascina Sant’Anna crescono felici, dal momento che vivono all’interno di stalle pulite, con grandi terreni dove pascolare e ricevono ogni cura necessaria per crescere sempre in salute, con un’alimentazione in tutto e per tutto naturale. È facile capire come il risultato di questa grande cura si può tradurre solo in un latte di altissima qualità, non solo buono e gustoso, ma anche nutriente, che ricorda un po’ i sapori di una volta.

Scopri come vengono allevate le mucche di Cascina Sant’Anna, l’amore e la cura che vengono messi ogni giorno per ottenere il latte e la grande attenzione che viene posta in ogni fase della produzione di latte. Non vivi  vicino allo stabilimento? Nessun problema, dal momento che puoi acquistare  il latte Cascina Sant’Anna direttamente online, con una pratica consegna a domicilio.

Acquista il Latte Cascina Sant’Anna

read more
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna allo shop